Text Size

Chi Siamo

La sigla C.B. deriva dall’inglese CITIZEN’S BAND ovvero “BANDA DEL CITTADINO“.

I primi apparati sulla 27 MHz. questa è la frequenza usata da queste ricetrasmittenti, fecero la loro prima comparsa in Italia all’ inizio degli anni 60, apparecchi molto modesti, sia come numero di canali, ma anche di potenza, 3/6 canali, 1 Watt. 

Chi usava in quel periodo queste radio era un considerato un “PIRATA” in quanto non esisteva nessuna regolamentazione in merito, pensate ad un fenomeno di espansione di massa fra gli anni 70 - 80,  paragonabile oggi in proporzione alla diffusione del cellulare o di internet.

Da molti anni però,  le cose sono cambiate, oggi per poter trasmettere su questa frequenza basta inoltrare una semplice Dichiarazione di utilizzo al MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI  tramite i vari ISPETTORATI TERRITORIALI,  ed ovviamente avere uno o più apparati di tipo omologato o rispondente alle normative europee.

La FEDERAZIONE ITALIANA RICETRASMISSIONI C.B. (F.I.R. - C.B.) ha sicuramente contribuito a far si che venisse legalizzata questa forma di comunicazione, portando avanti  importanti battaglie sia in Italia che a livello Europeo.                                   

A volte parlando di RADIOAMATORI e CB si crea un po' di confusione fra quanti non sono introdotti nel mondo delle radiocomunicazioni amatoriali, i CB oltre che ad avere un numero limitato di canali (frequenze) usano la radio come mezzo personale di espressione e di comunicazione, esprimendo liberamente le proprie opinioni sono liberi di parlare di qualsiasi argomento, sempre nel limite della decenza e nel rispetto delle opinioni degli altri.

Il RADIOAMATORE usa la radio per scopi puramente tecnici, dovrebbe essere un auto costruttore, sperimentatore delle radio e delle antenne che lui stesso costruisce, per questo per conseguire la patente e quindi la licenza di radioamatore, bisogna sostenere un esame sia teorico che pratico.

In tutti i casi comunque, siano essi RADIOAMATORI, che semplici C.B. si sono messi a disposizione delle Autorità,  hanno messo a disposizione le proprie apparecchiature, la propria esperienza, il proprio tempo libero, prima ancora che in Italia esistesse la “PROTEZIONE CIVILE” intesa come insieme di Organizzazioni Ministeriali e di Volontariato, il telefono cellulare non era ancora stato inventato ed Internet non esisteva, nelle piccole e grandi calamità che hanno colpito il nostro Paese, dal terremoto del Friuli a quello in Irpinia, dalla Val di Stava a Sarno,  fino ai più recenti eventi, il terremoto che ha colpito l'Umbria e le  Marche, il Molise, singolarmente o raccolti in associazioni, i C.B. con i loro apparati molto modesti, ma con una copertura capillare del territorio, i Radioamatori con i loro apparati più potenti, si sono resi insostituibili nel primo superamento dell’ emergenza, quando c’è bisogno di dare informazioni rapide e precise, di collegare i COM le PREFETTURE e le località isolate o guidare le colonne dei soccorsi.

LA NOSTRA ASSOCIAZIONE

Il GRUPPO RADIO PIOVESE viene fondato nel 1988 in PIOVE DI SACCO  da una decina di amici appassionati C.B. della zona del PIOVESE.

Molti di noi hanno frequentato per molti anni altri Radio Club della provincia di PADOVA, tra cui  uno dei Radio Club più vecchi in ITALIA,   il RADIO CLUB "COLLI  EUGANEI" di BATTAGLIA TERME, è nata poi l’esigenza di fondare un radio club anche nella nostra zona.

La nostra associazione conta oggi 60 iscritti molti sono anche Radioamatori, le nostre principali attività sono ovviamente collegate all’uso della radio, ci prestiamo quindi per l’assistenza radio a gare sportive, (ciclistiche, podistiche) manifestazioni culturali, protezione civile, e proprio per quest’ultima attività che è operativo all’interno del CLUB il gruppo S.E.R. (SERVIZIO EMERGENZA RADIO) unità ausiliaria volontaria di protezione civile, struttura della F.I.R. 

La struttura viene attivata in caso di calamità, o esercitazioni a livello intercomunale, provinciale, regionale, o comunque dove vi sia la necessità di un supporto logistico o per implementare le comunicazioni radio di emergenza.

La collaborazione sviluppata negli ultimi anni con la Provincia di Padova - Servizio di Protezione Civile  ci ha permesso di acquisire esperienza formativa nel campo della P.C. potendo così accedere ai corsi per i nostri volontari, ed a sua volta contribuire alla formazione dei volontari degli altri gruppi nel campo delle radiocomunicazioni, ed alla pianificazione e sviluppo della rete radio Provinciale VHF.  



Video - Canale Youtube

Guarda i nostri video sul canale Youtube del gruppo!

5 x 1000

Sostienici con il 5 per 1000 dell'Irpef!
E' un gesto che non costa nulla!